RASSEGNE TEATRALI

Organizziamo rassegne teatrali coinvolgendo diverse compagnie amatoriali e professionisti. “Sorrisi d’Autunno” è il nostro appuntamento annuale che, rassegna dopo rassegna, riscuote un notevole successo grazie alla piacevole leggerezza e alla simpatia degli spettacoli proposti.

Sorrisi d’Autunno è un appuntamento ormai consolidato nei weekend del mese di Ottobre, quando l’autunno incalza portando via con se la spensieratezza estiva. Ed è proprio così che nasce l’idea di creare un momento condiviso di divertimento e sane risate. Per fare questo ci avvaliamo ogni anno della collaborazione di diverse compagnie, amatoriali e non, che propongano spettacoli simpatici e commedie brillanti. 

Se siete interessati a rimanere sempre informati non dimenticate di seguirci sulla nostra pagina facebook.

Se invece fate parte di una compagnia amatoriale o di professionisti
e avete il piacere di proporci un vostro spettacolo non esitate a contattarci alla nostra mail costrettioltreconfine@gmail.com

SORRISI D'AUTUNNO 2019

Anche quest’anno siamo pronti con le date della nostra rassegna tutta da ridere!

Il sipario si aprirà Domenica 5 Ottobre alle ore 21.00 presso L’Auditorium Dina Orsi di Conegliano con il divertentissimo spettacolo “Grand Cabaret Show” del duo comico Marco & Francesco.

Di seguito tutte le date della rassegna, i Titoli delle commedie, le compagnie che parteciperanno e qualche riga sulle trame.. non vi diciamo di più per non rovinarvi la sorpresa!

Qualche informazione tecnica:

Tutti gli spettacoli si terranno presso l’Auditorium Dina Orsi di Conegliano alle ore 21.00.

Il costo del biglietto per spettacolo è di € 10.00

L’abbonamento all’intera rassegna è di € 40.00 (uno spettacolo sarà quindi gratuito).

Prenotazioni al numero 370.3564743 e prevendite presso Libreria Canova di Conegliano

Sabato 5 Ottobre - Marco & Francesco

GRAND CABARET SHOW

Il duo comico formato dagli attori Marco Cadorin
e Francesco Sartoretto di Montebelluna, fa cabaret recitando in dialetto veneto. Le loro esibizioni riempiono
i teatri e riescono a strappare risate a chiunque, giovani e meno giovani. Ma ogni spettacolo non è fine a se stesso: è un’opera di sensibilizzazione e di aiuto concreto verso chi è meno fortunato.

Nello stato di grazia che riescono a creare attraverso la risata, Marco e Francesco chiedono alla gente di aiutare chi ha bisogno.

Del resto, è proprio con il cuore leggero dato dalla comicità che le persone sono più ben disposte verso gli altri. Ad ogni evento Marco e Francesco portano con sé una cassettina invitando i presenti a riempirla liberamente. La cassettina rappresenta tante associazioni che hanno bisogno di aiuto. A loro va devoluto ogni centesimo raccolto, tante piccole gocce versate nel grande mare della solidarieta’. L’impegno di Marco e Francesco è arrivato dritto al cuore del presidente della Regione Veneto Luca Zaia, che ha indirizzato loro una lunga lettera di plauso e di ringraziamento.

E sicuramente l’ubriaco, la vecchietta, il cuoco litigioso impersonati dai due cabarettisti non smetteranno di far riflettere, regalando sorrisi…

Sabato 12 Ottobre - Tarvisium Teatro

I PRIMI VENETI SULLA LUNA

Esilarante commedia veneta ambientata nel futuro scritta e diretta da Giovanni Giusto, messa in scena da Tarvisium Teatro di Villorba.

La comicità di questa commedia è ambientata nel futuro ed è basata sulla classica contrapposizione fra due famiglie, che da sempre si contendono il mercato della polenta, cercando di unire la tradizione all’innovazione di un prodotto della nostra terra che un giorno sarà esportato anche sulla luna.

Non manca poi la classica storia d’amore contrastata che dai tempi di Goldoni caratterizza le pieces teatrali venete e ci fa supporre che così sarà anche in futuro. L’ambientazione futurista, con una fantasiosa cura di costumi e scene, proietta lo spettatore dalla Terra allo Spazio (viaggio di cui abbiamo da poco festeggiato il 50° anniversario) mantenendo i tratti particolari delle nostre origini. La Compagnia Tarvisium Teatro si è costituita con il fermo proposito di mantenere vivo l’interesse per il teatro in vernacolo (sia quello tradizionale che quello espresso dai nuovi autori) e tale proposito è mantenuto con questo spettacolo di Giovanni Giusto, che sposa alla perfezione ..tradizione e modernità.

Sabato 19 Ottobre - Compagnia la Contrada

SOLO LA VERITÀ IN MASCHERA

Commedia in due atti liberamente tratta dal film
“Perfetti Sconosciuti” di P. Genovese
Traduzione e adattamento: Vittorio Casagrande
Un tempo la scatola nera della vita di ognuno di noi era la memoria in cui erano ben celati tutti i nostri segreti che distinguevano la vita pubblica da quella privata e da quella personale. Ora gran parte di quei segreti è racchiusa nella memoria di quei telefonini che sono diventati parte integrante della nostra esistenza.

Cosa succederebbe se, in un apparentemente innocuo gioco, quelle memorie artificiali cominciassero a parlare?

Un gruppo di amici a cena si trova a confrontarsi con l’amicizia, l’amore e il tradimento scoprendo di conoscersi molto meno di quanto pensassero.

Con l’elaborazione linguistica operata dalla compagnia, per trasformare il testo originale nella parlata locale, abbiamo cercato di rispettare, ad un tempo, la struttura formale e contenutistica dell’opera e la spontaneità e la vivacità delle espressioni idiomatiche tipiche della zona. Il vivace ritmo scenico che vede un susseguirsi di situazioni rende l’azione esilarante.

Sabato 26 Ottobre - Compagnia il Cilindro

ORA NO TESORO

Equivoci, tradimenti, scambi di persone e una pelliccia di visone “viaggiante” sono gli ingredienti della farsa scritta da Ray Cooney e John Chapman. Gilbert,
socio della moglie e dell’amico Arnold in una pellicceria di Londra, pensa di regalare un visone da 5.000 sterline a Janie, da poco diventata sua amante.

Per non insospettire Harry, marito di Janie, Gilbert inscena una falsa vendita coinvolgendo nel gioco il socio Arnold. Harry, fiutando l’affare, accetta di comprare il visone non per sua moglie, ma per Sue, sua segretaria e amante. Tutto sembra filare senza intoppi, ma la moglie di Gilbert ritorna improvvisamente dalle vacanze. La situazione si complica ulteriormente quando Janie e Sue si incontrano…

L’uomo, ahimé, talvolta può essere affetto da stupidità e qui non va in scena la stupidità indisponente ed ottusa, ma quella sciocca, leggera, involontaria,

grazie alla quale, attraverso una storia di tradimenti progettati, di coppie che scoppiano, di donnine più o meno vestite, Ray Cooney, divertendosi e divertendo, ci regala un affresco di caratteri umani che producono un cocktail di irresistibile comicità.